Non si può tornare indietro.

Il passato torna, bussa alla porta e chiede di entrare. Vuole diventare presente. Il passato torna, si ferma sull’uscio e ti ruba un bacio. Il passato torna, ti tende la mano e all’improvviso si accascia ai tuoi piedi e piange fino allo sfinimento. Il passato ti guarda negli occhi e si sente sconfitto. Rivuole tutto ciò che ha avuto. Ma non è cambiato, continua a essere ambiguo, distorto, egoista… Il passato torna e prepotente vuole riprendere il suo posto. Non accetta confronti, non accetta sconfitte. Ti promette impegni che non gli hai chiesto, ti promette sogni che non hai fatto. Parole messe insieme che non fanno effetto perchè i gesti dimostrano l’esatto contrario. Parole spinte forse dall’angoscia, dalla paura, dal sentirsi diseredati…magari pure dall’amore. Un finto amore, dall’illusione di un amore. Perchè l’amore non fa soffrire, non rende infelici. L’amore ti fa vedere il cielo azzurro anche quando ci sono le nuvole; l’amore ti regala un sorriso quando hai solo voglia di piangere; l’amore ti trasforma gli incubi in notti serene; l’amore è quando ti prende la mano gelida e ti riscalda pure i piedi. L’amore… si pensa che basta dire “ti amo” per amare… L’amore è molto di più. Per questo il passato resta passato. Il presente è quello che noi pensiamo sia oggi, ma in realtà è solo una piccola parte di quello che noi chiamiamo futuro.

Rispondi