Un anno che va e un anno che viene

Dell’anno appena trascorso non butto via nulla. Ogni esperienza positiva e negativa per quanto possa averci portato tanta gioia o immenso dolore, ci cambia e ogni cambiamento non è mai qualcosa di sbagliato. Ogni cambiamento, anche se all’inizio sembra essere tra le più sconvolgenti esperienze, ci permette di crescere, di sperimentare, di migliorare e di peggiorare, sta a noi mettere a frutto quello che abbiamo dentro. Porto con me del 2012 tutto. Tutte le lacrime versate, che come cicatrici dell’anima hanno solcato le mie guance e seppur con fatica e dolore sono morte in tutti i miei sorrisi. Porto con me, le urla, i litigi, i dubbi perchè spesso sono stata zittita con un bacio, moltissime volte sono stata istigata ad alzare ancora di più la voce. Ci sono stati giorni felici, in cui le mani dei miei amici si sono strette intorno alle mie. Molte mi hanno sorretto quando stavo vacillando, alcune hanno aiutato a far sparire velocemente una lacrima, alcune ancora, hanno costruito con me nuove speranze. Ci sono stati giorni difficilissimi in cui ho desiderato non svegliarmi più il giorno dopo, sperando che il buio delle tenebre inghiottisse anche me, perchè la notte era l’unico rifugio in cui l’anima non sentiva più nessuna emozione. La forza, o meglio l’istinto della sopravvivenza, è una qualità innata dell’essere umano, e pur sapendo di essere una persona forte, non immaginavo di averne così tanta da riuscire a lottare ogni singolo giorno. Ho avuto giorni spensierati, giorni vittoriosi, giorni gloriosi, giorni opachi e giorni tristemente grigi. Ma sono stati giorni, e ogni giorno, ogni singola alba è un dono prezioso. Questo 2013 mi vede sicuramente diversa. Non lo so se sono più matura, più incosciente, più generosa o più acida. Non so se sono diventata più forta, più debole, più allegra o più ottimista. Ma sicuramente non sono la stessa. So che ogni cambiamento fa parte della vita e nel bene e nel male non ne sono più spaventata. Ho imparato ad accettare i miei limiti, a provare a superarne qualcuno. Ho capito che devo essere fedele a me stessa e a nessun altro, perchè ognuno di noi percorre le scelte che gli sembrano più opportune e per quanto amiamo gli altri, gli amici, i parenti, i fratelli, siamo noi i reali protagonisti della nostra vita. Non ci è noto sapere cosa porteranno i giorni a venire, ma solo vivendoli intensamente potremmo scoprire che strada stiamo tracciando. Sono serena… sono più veramente GILDA e questo nemmeno la persona migliore o peggiore del mondo potrà distogliermi da ciò che sono. La differenza è tutta qui, se il mondo gira nel verso opposto, non importa quanta fatica ci vorrà, quante volte dovrò rialzarmi, io andrò dritta per la mia strada. La vita è solo una specie di sogno, ma il più delle volte ci appare come uno spaventoso incubo. Ho lasciato alle mie spalle il pessimismo e l’angoscia e l’ansia. Ciò che avrò, sarà solo frutto delle mie fatiche, dei miei impegni. Oggi è 2 Gennaio 2013. Grazie a tutti quelli che ci sono stati, che ci sono ancora, che sono tornati e che sono andati via. Grazie perchè nulla può essere gettato via. Grazie, semplicemente grazie… Il mio augurio è che possiate ciascuno di voi avere nel proprio cuore tanta serenità, ma soprattutto che possiate riscoprire nel vostro animo quanto di più puro possediate. Vi auguro di concentrarvi sui vostri obiettivi e di realizzarli; vi auguro di avere il coraggio di dare una svolta alla vostra vita, se fino ad ora non vi è piaciuta, o di viverla appieno se siete già felici. Buon 2013!

Rispondi