Non c’è “per sempre” …

E se fosse per sempre, allora le cose belle non avrebbero più quel sapore così speciale e inaspettato.

E se fosse per sempre, i ricordi sarebbero macigni faticosi, fardelli che si confondono con i rimpianti, con i rimorsi.

E se fosse per sempre, non riusciremo più ad apprezzare la carezza di una mano rugosa, il bacio di un amore fugace, il calore della propria madre.

Per questo non c’è per sempre.

Moriamo. E la morte non è l’agonia di una vita che giunge al termine.

La morte è l’impegno che ci permette di ricordarci che tutto ha un limite, che tutto ha un valore. Sempre.

Rispondi