Lo strano percorso della felicità

Come un’isola nel deserto, finzione di miraggio di salvataggio… mi sono aggrappata a te, nella speranza di risollevarmi. Ho visto ciò che volevo vedere, ma non ho guardato. Ho vincolato il mio desiderio di felicità, al tuo sorriso per me. E non ho riconosciuto che quella felicità era solo il riflesso della tua.

Come un’isola del deserto, nel posto sbagliato, al momento sbagliato…

Ricerco nel profondo abisso del mio cuore, la strada della felicità che appartiene solo all’essenziale essere del mio animo. Non si può essere felici a metà, per gli altri.

Si deve essere felici per se stessi.

Le persone non sono ancòre, giubbotti di salvataggio…

Le persone sono fari, luci incandescenti, cuori pulsanti.

 

 

Rispondi