Ri-crediti

Ci ho creduto sempre, fino in fondo. Ci ho creduto arrivando a farmi male. Ci ho creduto come solo un folle o uno stupido può crederci. Ci ho creduto con tutte le mie forze, tanto da restare senza fiato. Ci ho creduto fino a quando ho capito che crederci era l’errore più grande che stessi commettendo. Ci ho creduto talmente tanto che quando ho smesso di farlo, ho ritrovato la luce, la pace, la serenità e stranamente la speranza. Perché non possiamo far sopravvivere l’esile fiamma di una candela se tira molto vento. Possiamo, invece, vivere per la luce robusta di un faro.

Rispondi