Riflessioni a bordo campo

Bisognerebbe imparare a non giudicare gli altri e a smettere di puntare il dito.

Se ci ricordassimo come ci sentiamo quando gli altri parlano di noi, senza nemmeno conoscerci, vivremmo in un mondo più solidale e meno frustrato.

 

 

 

 

Rispondi