Vogliono essere già grandi

E’ un peccato vedere come certe ragazze si perdano e seguano stereotipi di coetanee sporche e prive di valori.

E’ un peccato vedere come si riducono, a cosa rinunciano all’identità che perdono solo per omologarsi alla massa. Tutte uguali. Nei look, negli atteggiamenti, nelle smorfie, nelle parole. Tutte prive di autostima e fiducia, tutte convinte di essere già grandi e non hanno nemmeno messo piede fuori di casa. Tutte così vuote di contenuti, senza interessi, passioni, attitudini, curiosità. Le vedi andare in giro con gli stessi jeans, la sigaretta in mano, un rossetto rosso fiammante e l’atteggiamento di chi ha già vissuto. Le senti chiacchierare di amore infinito ed eterno per poi passare dopo due giorni a un altro ragazzo. Le senti vantarsi per un’avventura sessuale di una notte, per aver provato una droga leggera, per aver mandato a quel paese i propri genitori. Le vedi spente. Senza luce, convinte di brillare, si travestono da donne fatali.

E le vedi bruciare le tappe, e non riesci a impedir loro di non farlo.

E le vedi sporcarsi di sesso facile senza pretendere di essera amate.

E le vedi stese al sole, che permettono a chiunque di giocare con il loro corpo, senza considerare che troppe mani non equivalgono a un abbraccio vero.

E le vedi perdere la dignità senza che comprendano che un giorno non sarà restituita.

E le senti ridere di una risata amata, finta perchè hanno smesso di ricordare l’età che hanno. Quella in cui ci si diverte con le piccole cose, senza dover indossare una maschera.

Rispondi