Più tempo per danzare

Si perde in momenti che durano anni, bloccata in situazioni che rendono la sua vita un viaggio senza entusiasmo. E’ una viaggiatrice su navi ormai alla deriva, si arrangia.

Sopravvive.

E’ una spettatrice di vite altrui. Indivia, si rammarica, si dispera. E’ triste. Resta ferma al tavolo, seduta inerme, sorseggiando uno spumante scadente, mentre gli altri accorrono al tavolo del buffet e assaggiano anche le pietanze più curiose. Si avventurano andando incontro ai rischi.

Si lascia intrappolare da emozioni che non tolgono il respiro, che restano sul cuore come un macigno che trascina verso l’entroterra. Un’anima dedita all’inferno, scombussolata dalla follia più assurda: la normalità.

Folle vivere per non sbagliare. Folle vivere per non amare. Folle vivere nella staticità. Deve elevarsi alla straordinarietà.

Donna, improvvisa! Non essere come la società voglia che tu sia. Dipingi le labbra di viola, colora i capelli di verde. Sii estrosa.

La vita si spezza all’improvviso e non ti chiede il permesso.

Rubale il tempo e vivi come se fosse il respiro più lungo che tu possa fare.

Vivi come se questo fosse il tuo ultimo ballo.

 

1910287_1122871685529_1464160_n

All Rights Reserved

Dipinto di Anna Lamonaca

“La ballerina di flamenco” – 2009

http://vivendolestelle.iobloggo.com/

Rispondi