Acqua che scorre




Acqua che passa sotto i ponti, come a lavar via la sporcizia della città…
Nascosti tra scogli e rami, i sogni faticano a uscire, come se viver e prender forma fosse la smaterializzazione della propria essenza.
Ah! Se tutto fosse semplice, come appare nei film.
Ah! Se non avessimo vergogna di mostrare noi stessi, o se avessimo abbastanza pudore da celare certi angoli.
Come vento freddo, in una notte già gelida. Come un sole che colora il cielo, ma non riscalda. Come i versi di una poesia che non comprendiamo.
Il fuggir via dai vicoli più inimmaginabili del nostro essere, ci porta in luoghi che non vorremmo visitare, tra una stradina buia e un palazzo malandato. Crolla tutto.
Crolliamo noi.
E il tempo audace si beffa del nostro tentennare. Lui passa e noi restiamo inermi, magari convinti che andiamo avanti, illusi che stiamo costruendo.
Le lancette corrono e i piedi si inchiodano.
I capelli ingrigiscono, ma i sogni rivivono.
Laviamo via i ricordi, quelli che distruggono la felicità e fondiamo nuove radici.
Aggrappati alle ancore dei nostri strambi destini, viviamo.
Eppure l’acqua passa ancora. Un ponte. Due ponti. Tre ponti.




You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *