BERSERKR di Alessio Del Debbio

 

 

Come ogni Lunedì presentiamo un nuovo romanzo. Quello di questa settimana è un urban fantasy dell’autore Alessio Del Debbio e si intitola BERSERKR . A seguito vi indico tutti i dati dell’autore e del romanzo e un suo estratto.

 

Autore: Alessio Del Debbio

Editore: Dark Zone Edizioni

Genere: urban fantasy

Prezzo: 14,90 euro (cartaceo), 2,99 euro (ebook)

Pagine: 192

Isbn: 978-8899845209

Copertina realizzata da Livia de Simone Art.

Trama: Berlino, inizio del terzo millennio. La Guerra Calda è finita, gli Accordi dell’89 sono stati firmati e la città è stata divisa in sette zone, ciascuna assegnata a una delle antiche stirpi. All’interno della ringbahn vivono gli uomini, protetti dalla Divisione, incaricata di mantenere la pace e impedire sconfinamenti e scontri tra le stirpi. Misteriosi omicidi, provocati da sconosciute creature sovrannaturali, iniziano però a verificarsi in tutta la città, rischiando di frantumare il delicato equilibrio raggiunto. La Divisione incarica Ulrik Von Schreiber di indagare, aiutato dal pavido collega Fabian, ben sapendo quanto abbia a cuore il mantenimento della pace. Ma Ulrik non è soltanto un cacciatore, incarna lo Spirito Protettore della Città, l’Orso di Berlino, che non attende altro che liberare la propria furia.

Estratto: Ulrik correva nella notte. Tutto attorno il bosco bruciava, divorato da fiamme d’ombra.Si guardò indietro; suo padre l’aveva intimato di non farlo mai, ma lui voleva sapere dove fosse. L’aveva cacciato via ed era rimasto con altri uomini a combattere e lui voleva sapere se stava bene. Doveva stare bene.Non si accorse di una radice sporgente e ruzzolò a terra, battendo la testa. Un rivolo di sangue gli coprì l’occhio destro, lo spazzò via con la manica della felpa, poi riprese a correre nella foresta. Suo padre gli aveva detto di raggiungere lo stadio, dove si erano asserragliate le donne e i bambini, protetti dal fuoco di sbarramento delle forze governative, ma Ulrik aveva perso l’orientamento. A nove anni gli alberi sembravano tutti uguali. Così si ritrovò ai piedi di un colle, che subito riconobbe, capendo di essere parecchio fuori strada. Vide i resti dell’edificio sulla sommità e rabbrividì. Circolavano strane storie su quella montagna e sulla macabra fine dei suoi abitanti, divorati da ombre così fitte che neppure il sole di mezzogiorno avrebbe scalfito. Sul tetto della costruzione c’era ancora una vasca colma del sangue dei morti, macabro promemoria per chiunque avesse cercato di violarne i confini, ma Ulrik non aveva scelta; sentiva i cani alle sue spalle, il respiro pesante del gigante cattivo che voleva metterlo in quel sacco puzzolente. Cosa ci fosse dentro non voleva scoprirlo, così iniziò a salire la Montagna del Diavolo. Dalla cima, quantomeno, avrebbe potuto tener d’occhio la foresta circostante e magari individuare suo padre.

Disponibile su tutti gli store di libri e ebook.

Link cartaceo:

Amazon: https://www.amazon.it/Berserkr-Alessio-Del-Debbio/dp/8899845204/

Ibs: https://www.ibs.it/berserkr-libro-alessio-del-debbio/e/9788899845209

Link ebook:

Amazon (Kindle): https://www.amazon.it/Berserkr-Alessio-Del-Debbio-ebook/dp/B07879BWVJ/

Ibs (Tolino): https://www.ibs.it/berserkr-ebook-alessio-del-debbio/e/9788827532508

Kobo store: https://www.kobo.com/it/it/ebook/berserkr

Conosciamo l’autore:

Biografia: Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy, di Limana Umanìta Edizioni, Racconti Toscani, di Historica Edizioni, Sognando, di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono il romanzo Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016) e i fantasy contemporanei Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017) e Berserkr (Dark Zone, 2017).

Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica “Le lande incantate”. È presidente dell’associazione culturale “Nati per scrivere” che sostiene gli scrittori emergenti, soprattutto locali, e d’estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani.

Contatti:

Pagina Facebook “I mondi fantastici – Alessio Del Debbio”: https://www.facebook.com/alessio.deldebbio/

Sito autore: www.alessiodeldebbio.it

Blog “i mondi fantastici”: www.imondifantastici.blogspot.it

Twitter autore: https://twitter.com/ADelDebbio

La nostra intervista:

“UN LIBRO NON SI GIUDICA DALLA COPERTINA… O FORSE Sì?”

Come è nata la cover del tuo libro? È frutto della tua immaginazione o, nel caso il libro sia legato a una CE, hai collaborato con chi ha progettato la copertina del tuo romanzo?

Salve a tutti e grazie per l’ospitalità!

Dunque, la copertina di “Berserkr” è stata realizzata dalla bravissima Livia De Simone ed è il risultato di una commistione di idee tra me, l’editrice (Francesca Pace) e Livia, appunto. L’idea era di mostrare i tre elementi fondamentali del romanzo, ossia il protagonista (Ulrik Von Schreiber), Berlino (rappresentata dalla ben nota Porta di Brandeburgo) e l’Orso, che oltre a essere il simbolo della città tedesca è anche l’animale totem del Berserkr (ossia uomo orso). Devo dire che il risultato è davvero stupefacente e sono felicissimo del lavoro di Livia!

Cosa ne pensi della famosa frase: “Un libro non si giudica dalla copertina?”. Sei d’accordo?

Eh, come in tante cose la verità sta nel mezzo. Di sicuro è vero che un libro può avere una copertina stupenda e poi raccontare una storia pessima e poco originale, come esistono libri bellissimi (basta pensare a tanti classici!) che hanno avuto, o hanno tuttora, copertine non all’altezza. Personalmente credo che la copertina sia importantissima, assieme al titolo rappresenta il primo impatto del lettore col tuo libro, l’aspetto esterno, la facciata della casa, il vestito che indossi quando vai a un colloquio di lavoro. Devi fare una buona impressione, diciamo! ^^ Poi è chiaro che non è tutto, la copertina fa il suo lavoro quando attira il lettore e gli fa prendere in mano il libro, glielo fa sfogliare, poi serve qualcosa di più per far scoccare la scintilla, magari una trama accattivante, argomenti che interessino, un’idea originale. Però di sicuro una bella copertina aiuta, quantomeno a incuriosire l’ignaro lettore.

È fondamentale secondo te legare l’immagine della copertina al titolo?
Che tipo di impatto potrebbe dare sul lettore e quanto un titolo accattivante sia più importante della copertina o viceversa?

Credo che l’importante sia legare la copertina al contenuto, o al messaggio, del romanzo, in modo che ne diventi uno specchio esterno. Il titolo, al pari del disegno o comunque dell’elaborazione grafica, è parte della copertina, contribuisce a creare il biglietto da visita di quel libro.

Personalmente rifletto molto sui titoli, anche se di solito li ho già in mente prima di scrivere il romanzo. Ho anche un quadernino con vari titoli appuntati, per storie che chissà se scriverò mai… Per cui, sì, il titolo è importante, al pari della grafica di copertina, ma non li vedo rivali, semmai li vedo complementari.

Grazie mille Alessio, per essere passato da noi e in bocca al lupo!

You may also like

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *