A carico del cuore di Fay Bi

 

In questo lunedì di ottobre davvero tempestoso e ventoso, vi facciamo compagnia con la nostra rubrica “Quattro Blog per un Autore” .

Vi parliamo del romanzo  “A carico del cuore” di Fay Bi. Potete contattare l’autrice qui e acquistare il romanzo su amazon come indicato di seguito :

 

Pagina fb Fay Bi. @faybi.400     e sul blog Letture di Fay letturedifay.blogspot.com

Per l’acquisto su Amazon:Amazon

Prezzo: 2,99 euro (e-book),10,92 euro(cartaceo)+ Kindle Unlimited

 

L’intervista:

“UN LIBRO NON SI GIUDICA DALLA COPERTINA… O FORSE Sì?”

Come è nata la cover del tuo libro? È frutto della tua immaginazione o, nel caso il libro sia legato a una CE, hai collaborato con chi ha progettato la copertina del tuo romanzo?

Ciao a tutti!La cover è nata da me sia per l’ideazione che per la realizzazione (Idea strampalata:mai più!Il motivo lo svelerò nel prossimo incontro). La mia intenzione originaria era quella di utilizzare un’immagine che avevo trovato in rete girovagando  tra i siti royalty free: rappresentava dei fiori essiccati adagiati su assi di legno,stile parquet invecchiato. Poi,dopo varie vicissitudini,ho dovuto sostituirla con un’immagine simile,ma forse meno evocativa.

Cosa ne pensi della famosa frase: “Un libro non si giudica dalla copertina?”. Sei d’accordo?

Questa affermazione mi ricorda molto quella dell’abito che non fa il monaco. Quindi no,non si giudica un libro dalla copertina,così come non si giudica una persona dal vestito che indossa,ma di certo il modo di presentarsi  ha comunque una grande rilevanza,perché implicitamente la forma  trasmette informazioni sul contenuto e crea un impatto sul destinatario;per farla breve,stabilisce una sorta di connessione tra il libro e il lettore.

È fondamentale secondo te legare l’immagine della copertina al titolo?

Secondo me sì,l’immagine della copertina deve ricondurre in un qualche modo al contenuto e al titolo,anche solo in modo metaforico o evocando un elemento chiave della storia.

copertina del romanzo

Nel caso del mio romanzo,i fiori recisi rimandano all’idea di un legame interrotto,di una disfatta ma la scelta dello sfondo a pois induce a sdrammatizzare e invita a riprendersi.Dal punto di vista estetico,i due elementi si combinano così come i colori,il grigio e il rosa che oltre a essere tinte delicate riconducono ai due concetti della caduta e della ripresa.Vi lascio un post con un estratto del carme 11 di Catullo,uno dei miei poeti preferiti; qui il poeta paragona l’amore finito all’immagine molto delicata del fiore reciso.

Che tipo di impatto potrebbe dare sul lettore e quanto un titolo accattivante sia più importante della copertina o viceversa?

Io non riesco a scindere copertina e titolo.

Per me quest’ultimo è parte integrante e come tale ha un impatto considerevole.

Per essere efficace deve esercitare la sua funzione di acchiappalettore.

Alla prossima!

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *